I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Oasi del Mincio

Il Ristorante "Lo Stappo" oasi di delizie gastronomiche

Borghetto di Valeggio sul Mincio è da molti considerato uno dei borghi più belli d'Italia, e non è difficile dargli torto: mulini, cascatelle e casette caratteristiche rendono questo ambiente ricco di suggestione.

Chi passa da qui non può fare una sosta per il pranzo presso il ristorante Lo Stappo, dove è un obbligo assaggiare il famoso tortellino di Valeggio, chiamato anche "nodo d'amore". La leggenda narra infatti l'intensa storia d'amore tra la ninfa Silvia e il capitano Malco, il cui simbolo è proprio un fazzoletto di seta dorata annodato dai due amanti prima di gettarsi sul Mincio. Si narra che nei giorni di festa, per ricordare la storia dei due innamorati, era consuetudine tirare una pasta sottile tagliata come il fazzoletto dorato e arricchita da un delicato ripieno: ecco la nascita del tortellino di Valeggio!
Molte altre sono comunque le proposte del menù del ristorante Lo Stappo che vedono protagonisti i nostri prodotti di bufala come: la BURRATA con BOTTARGA, PACHINO E BASILICO FRITTO o il CHEESE CAKE DI MOZZARELLA DI BUFALA.

"Oasi del Mincio" è un partner prezioso per ogni ristorante che scelga prodotti dal gusto unico e genuino, inoltre il servizio vendita dedicato alla ristorazione è sempre a disposizione del cliente per raccogliere in ogni momento richieste e ordini. L'esperienza e la dedizione di Oasi del Mincio garantisce un servizio attento e puntuale, sempre pronto ad adeguarsi alle richieste del cliente per meglio soddisfare le sue necessità.

Il ristorante Lo Stappo si trova in Via Raffaello Sanzio, 18/B Borghetto, Valeggio sul Mincio (VR)

http://www.lostappo.com/

Ultime news

  • Il gorgonzola è un formaggio unico, originale ed inimitabile e per questo motivo conosciuto in tutto il mondo; una notorietà dovuta al suo gusto particolare capace di sposarsi meravigliosamente con mille altre sapori. 

  • La bresaola è un derivato della carne di manzo cruda, stagionata e speziata, noto per la sua bontà e magrezza già ai tempi in cui Leonardo Da Vinci dipingeva la Gioconda. A differenza degli altri salumi, la bresaola ha pochissime calorie, per il fatto che viene prodotta con tagli di manzo senza grasso al quale vengono poi aggiunte spezie ed erbe di varia natura per conferire il sapore tipico e tradizionale della bresaola.

  • Tenera e prelibata, la carne di vitello ha molteplici proprietà e si presta a diverse preparazioni culinarie. Spesso però, la disinformazione regna sovrana e la carne di vitello viene spesso, purtroppo, considerata una carne poco sana. Come viene ottenuta questa carne, in un certo senso "diversa" da quella appartenete alle altre categorie?

  • Il pecorino è un formaggio ottenuto dal latte di pecora. Si tratta in particolare di un formaggio di pecora a pasta dura, poiché la sua umidità è inferiore al 40%. Il pecorino è definito un alimento tipico italiano e, la comunità europea ha riconosciuto e certificato ben cinque varietà di pecorino DOP ( denominazione di origine protetta).

  • La bistecca alla tartara ( conosciuta anche come carne alla tartara o più semplicemente tartare) è un piatto a base di carne bovina o equina macinata o finemente tritata e consumata cruda.

  • Il tomino, localmente detto "tumin" cioè piccolo formaggio, è un formaggio tipico piemontese prodotto con latte misto : vaccino-caprino, vaccino-ovino o ovino caprino. 

  • Da un recente sondaggio è emerso che il 29% della popolazione l'anno scorso ha ridotto il consumo di carne, il 9% della popolazione l'ha ridotta drasticamente e/o sta pensando di eliminarla. Ma, nonostante le etnie e i periodi postivi alteranti a momenti di crisi la carne, rimane un alimento indispensabile in una deita equilibrata e controllata grazie alle sue caratteristiche nutrizionali.

  • La storia dell'alimentazione umana comincia con la selvaggina. Al suo apparire sulla terra l'uomo abbandona molto presto il regime vegetariano perché frutta e bacche non gli bastano. Due milioni e mezzo di anni fa l'uomo Homo Habilis inizia a cacciare gli animali con strumenti rudimentali per procurarsi pelli con cui ripararsi dal freddo ma, ne assaggia le carni, le trova di suo gradimento e cerca di procurarsele il più spesso possibile. 

Leggi